Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Il Quotidiano della Sicurezza

ROhS II, nuove scadenze per sostanze pericolose nei RAEE

Modifica l’allegato III del D.Lgs. 4 marzo 2014, n. 27 il DM Ambiente 15 aprile 2019, dando così attuazione a varie direttive delegate della Commissione europea:

2018/736/UE, 2018/737/UE e 2018/738/UE del 27 febbraio 2018,

2018/739/UE, 2018/740/UE, 2018/741/UE, 2018/742/UE del 1° marzo 2018

2019/178/UE del 16 novembre 2018

Tutte le direttive citate modificavano l'allegato III della direttiva 2011/65/CE sulla restrizione alla presenza di piombo nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RoHS II).

Per approfondire:

Deroghe UE ad alcuni utilizzi del piombo negli AEE

Link



Il D.Lgs. 4 marzo 2014, n. 27, in attuazione della direttiva 2011/65/Ue (c.d. direttiva RoHs 2, Restriction of Hazardous Substances), ha riformulato, a decorrere dal 30 marzo 2014, la disciplina nazionale sulla restrizione dell'uso di sostanze pericolose nelle AEE. Il suo allegato III elenca le applicazioni esentate dalle restrizioni di cui all'articolo 4 (Prevenzione), comma 1: “fatto salvo quanto previsto ai commi 3, 4, 5 e 6, dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, le AEE immesse sul mercato, compresi i cavi e i pezzi di ricambio destinati alla loro riparazione, al loro riutilizzo, all'aggiornamento delle loro funzionalità o al potenziamento della loro capacità, non devono contenere le sostanze di cui all'allegato II: Piombo (0,1 %), Mercurio (0,1 %), Cadmio (0,01 %), Cromo esavalente (0,1 %), Bifenili polibromurati (PBB) (0,1 %), Eteri di difenile polibromurato (PBDE) (0,1 %).

Le modifiche alle scadenze riguardano il piombo, come componente di vari prodotti e leghe, con proporzioni diverse nel contenuto. Le scadenze sono al 2021, 2023 o 2024.

DMATTM 15 aprile 2019 (GU 31 maggio 2019 n. 126)


« Torna all'elenco completo