Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Articoli e Approfondimenti

Pulizia e disinfezione dei Respiratori Riutilizzabili

claudio_galbiati
Scritto da Claudio Galbiati il 05/03/2012

Rispondo ad alcune domande frequenti sulla pulizia e la disinfezione dei Respiratori Riutilizzabili:

Come posso pulire e disinfettare i Respiratori Riutilizzabili?

La pulizia della maschera riveste un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’igiene e deve essere eseguita tra un utilizzo e l’altro e può essere eseguita dall’operatore conformemente a quanto indicato nella nota informativa di ciascun prodotto. I filtri non devono invece essere lavati o puliti per evitare che rilascino le sostanze trattenute; inoltre questi ultimi non entrano in contatto né con l’operatore, né con l’aria espirata dallo stesso, infatti, la semimaschera è provvista di valvole mono-direzionali, che impediscono all’aria espirata di andare verso i filtri. 

Rispondo ad alcune domande frequenti sulla pulizia e la disinfezione dei Respiratori Riutilizzabili:

Come posso pulire e disinfettare i Respiratori Riutilizzabili?

La pulizia della maschera riveste un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’igiene e deve essere eseguita tra un utilizzo e l’altro e può essere eseguita dall’operatore conformemente a quanto indicato nella nota informativa di ciascun prodotto. I filtri non devono invece essere lavati o puliti per evitare che rilascino le sostanze trattenute; inoltre questi ultimi non entrano in contatto né con l’operatore, né con l’aria espirata dallo stesso, infatti, la semimaschera è provvista di valvole mono-direzionali, che impediscono all’aria espirata di andare verso i filtri. Per queste ragioni i filtri non vengono contaminati o sporcati dall’aria espirata dall’utilizzatore e possono essere utilizzati in diversi momenti. Le istruzioni presenti in ogni confezione di prodotti contengono le indicazioni delle procedure di pulizia e disinfezione. Devono essere rispettate sia le procedure di conservazione e manutenzione per garantire l’efficacia nel tempo dei respiratori.

Quali sono le raccomandazioni circa la pulizia dei Respiratori Riutilizzabili?

Pulire le maschere con acqua corrente e sapone delicato (sapone a pH neutro, pH compreso tra 6 e 8) non contenente cere o sostanze grasse (cere, grassi e oli si depositano come un film che può interferire con le proprietà di trasparenza degli schermi dei pieni facciale). Smontare la bardatura, ove possibile, prima della pulizia. Per una corretta pulizia della semimaschera/maschera a pieno facciale è possibile immergerla in una soluzione d’acqua tiepida e strofinare con una spazzola morbida. La temperatura dell’acqua non deve superare i 50°C, non utilizzare detergenti che contengono lanolina od altri oli, ma utilizzare solo saponi neutri. Risciacquare con acqua pulita, scolare l’eccesso di acqua e lasciare asciugare all’aria. In alternativa è possibile la pulizia con una soluzione di acqua con ammoniaca in rapporto 4:1 o con ipoclorito di sodio (cloro 50ppm). La pulizia del solo bordo di tenuta può essere eseguito con le salviettine imbevute. Attenzione: durante il processo di pulizia, evitare di lasciare in ammollo in eccesso e di strofinare troppo gli schermi. Si raccomanda di evitare solventi organici tipo acetone, cloruro di metile od altri solventi aggressivi.

I respiratori Riutilizzabili possono essere sterilizzati prima del riutilizzo?

No, il processo di sterilizzazione, come per esempio l’utilizzo di ossido di etilene, radiazione o sterilizzazione con vapore, danneggia i respiratori, in particolar modo gli schermi e quindi deve essere evitato.

Cosa suggeriamo per disinfettare i Respiratori Riutilizzabili?

L’ipoclorito di sodio, come la comune candeggina di uso domestico (ipoclorito di sodio al 5,75 o al 6%) è risultato essere un disinfettante appropriato per i Respiratori Riutilizzabili. L’immersione per 5 minuti in una soluzione formata da 1000 - 5000 parti per milione (ppm), ad esempio, è efficace contro il virus dell’influenza A.

Per ottenere una soluzione di ipoclorito di sodio da 5000 ppm, seguire i seguenti passaggi:
Diluire 3/4 di tazza di candeggina ad uso domestico in 4 l di acqua tiepida.
Immergere il respiratore nella soluzione e lasciare in ammollo per 5 minuti.
Risciacquare il respiratore con acqua pulita tiepida, asciugare l’eccesso di acqua con un asciugamano di cotone e lasciare asciugare all’aria in un ambiente non contaminato.
Quando non utilizzati, conservare i respiratori lontano da aree contaminate.
Nota: il potere disinfettante della candeggina diminuisce con l’aumentare del tempo di conservazione della soluzione. Assicurarsi che venga sempre utilizzato un nuovo flacone per la preparazione della soluzione da 5000 ppm e rifare giornalmente la soluzione. Per verificare che la concentrazione di ipoclorito di sodio della soluzione sia compresa tra i 1000 e i 5000 ppm, possono essere utilizzate delle strisce per la rilevazione del cloro.
In alternativa possono essere utilizzate soluzioni di sali quaternari di ammonio.
Per la pulizia di qualsiasi parte del sistema non usare benzina, fluidi sgrassanti clorurati(come il tricloroetilene), solventi organici o prodotti per la pulizia abrasivi. Non rimontare le parti fino a quando il facciale non e completamente asciutto.

Quali sono le verifiche da eseguire dopo il lavaggio/disinfezione?

Eseguire le verifiche ed ispezioni contenute descritte nella nota informativa che accompagna ogni prodotto 3M.


Per approfondire questo tema o se avete altre domande partecipate alla discussione sul forum »

 

Nota: il presente documento Non sostituisce la nota informativa che accompagna ogni prodotto. Si raccomanda di seguire le indicazioni e limitazioni d’uso contenute nella nota informativa e di conservarla come futuro riferimento. 


Commenti

Inserisci per primo/a un commento.
icona commenti 0 commenti

« Torna indietro