Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Articoli e Approfondimenti

Manuali d’uso e manutenzione: necessari o facoltativi?

Ambiente_Sicurezza
Scritto da Ambiente & Sicurezza il 09/04/2014


MANUALI D'USO E MANUTENZIONE: NECESSARI O FACOLTATIVI?

di Francesco Volta, consulente esperto in materia di sicurezza del lavoro
 

È preso in considerazione il caso di un datore di lavoro che mette a disposizione un’apparecchiatura rientrante nel campo di applicazione della ”direttiva macchine”. In questa situazione, non vi è dubbio che l’apparecchiatura debba essere corredata del manuale d’uso. Non solo, il manuale deve rispettare precisi requisiti di contenuto indicati negli allegati alla "irettiva macchine"

Ma non tutte le attrezzature di lavoro rientrano nel campo di applicazione di questo disposto comunitario, come, per esempio, per tutte quelle non soggette a direttive di prodotto o messe in sevizio prima dell’entrata in vigore di queste norme comunitarie. Basti pensare a un vecchio tornio parallelo ante 1996, a un’apparecchiatura statica di prova per invecchiamento provini composta da lampade UV o una stufa industriale a circolazione naturale. Occorre comprendere quali sono i rapporti tra la valutazione del rischio su queste apparecchiature (ex art. 28, Allegati V e VI al D.Lgs. n. 81/2008) e il manuale d’uso e manutenzione.

 

MANUALI D'USO E MANUTENZIONE: NECESSARI O FACOLTATIVI?

 

di Francesco Volta, consulente esperto in materia di sicurezza del lavoro


È preso in considerazione il caso di un datore di lavoro che mette a disposizione un’apparecchiatura rientrante nel campo di applicazione della ”direttiva macchine”. In questa situazione, non vi è dubbio che l’apparecchiatura debba essere corredata del manuale d’uso. Non solo, il manuale deve rispettare precisi requisiti di contenuto indicati negli allegati alla "irettiva macchine"

Ma non tutte le attrezzature di lavoro rientrano nel campo di applicazione di questo disposto comunitario, come, per esempio, per tutte quelle non soggette a direttive di prodotto o messe in sevizio prima dell’entrata in vigore di queste norme comunitarie. Basti pensare a un vecchio tornio parallelo ante 1996, a un’apparecchiatura statica di prova per invecchiamento provini composta da lampade UV o una stufa industriale a circolazione naturale. Occorre comprendere quali sono i rapporti tra la valutazione del rischio su queste apparecchiature (ex art. 28, Allegati V e VI al D.Lgs. n. 81/2008) e il manuale d’uso e manutenzione.
 


Commenti

Inserisci per primo/a un commento.
icona commenti 0 commenti

« Torna indietro