Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete
Per avviare una nuova conversazione, clicca sulla categoria all'interno della sezione di interesse e successivamente scegli "Nuova Conversazione".
Altrimenti inserisci la tua nuova discussione nella categoria "Varie": penseremo poi noi ad inserirla nel Forum più appropriato.

Rispondi 
 
Valutazione conversazione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Lavori di pubblica utilità e D. Lgs. 81/2008: quali obblighi per il datore di lavoro?
Autore Messaggio
simone_perico Offline
Member

Messaggi: 7
Registrato: Jun 2014
Messaggio: #1
Lavori di pubblica utilità e D. Lgs. 81/2008: quali obblighi per il datore di lavoro?
Riferimenti normativi (che non hanno attinenza con la sicurezza sul lavoro):
- art. art. 73 comma 5-bis del d.p.r. 309/1990;
- art. 54 del decreto legislativo 28 agosto 2000 n. 274;
- decreto ministeriale 26 marzo 2001;
- circolare 11 aprile 2011.
Consiste nella prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività del tipo: - a favore di persone affette da HIV, portatori di handicap, malati, anziani, minori, ex detenuti o extracomunitari; - nel settore della protezione civile, nella tutela del patrimonio pubblico e ambientale o in altre attività pertinenti alla specifica professionalità del condannato.
L’attività viene svolta presso con gli enti pubblici territoriali e le organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato individuati attraverso apposite convenzioni. Nelle convenzioni sono indicate le attività in cui può consistere il lavoro di pubblica utilità, i soggetti incaricati di coordinare la prestazione lavorativa e le modalità di copertura assicurativa. Le amministrazioni e gli enti presso cui viene svolta l’attività lavorativa, assicurano il rispetto delle norme e la predisposizione delle misure necessarie a tutelare l’integrità fisica e morale dei condannati.
In assenza di riferimenti espliciti alla normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro mi sono riletto gli art. 2 e 3 del D. Lgs. 81/2008. L'art. 2 definisce il lavoratore come la persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione. L'art. 3 non definisce per questa tipologia un regime particolare. Quindi si tratta un lavoratore a tutti gli effetti con i relativi obblighi per il datore di lavoro di informazione, formazione (generale e specifica), fornitura dispositivi di protezione individuale e sorveglianza sanitaria.
Voi cosa ne pensate?
08/08/2014 02:55 PM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
alessandra_loi Offline
Team 3M

Messaggi: 138
Registrato: Apr 2012
Messaggio: #2
RE: Lavori di pubblica utilità e D. Lgs. 81/2008: quali obblighi per il datore di lavoro?
Ciao Simone,

in merito al punto da te sollevato, che ritengo veramente interessante, ho trovato questo articolo sul sito Punto Sicuro.
Personalmente ritengo che sia necessario garantire la sicurezza sempre a qualunque lavoratore, con o senza remunerazione.

Spero ti possa essere utile questa lettura.

http://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-...-AR-13295/

Ciao!
25/08/2014 11:27 AM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa conversazione: 1 Ospite(i)