Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete
Per avviare una nuova conversazione, clicca sulla categoria all'interno della sezione di interesse e successivamente scegli "Nuova Conversazione".
Altrimenti inserisci la tua nuova discussione nella categoria "Varie": penseremo poi noi ad inserirla nel Forum più appropriato.

Rispondi 
 
Valutazione conversazione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Formazione dei lavoratori stagionali
Autore Messaggio
marco_lazzari Offline
Member

Messaggi: 6
Registrato: May 2011
Messaggio: #1
Formazione dei lavoratori stagionali
In merito ai lavoratori stagionali, a chiamata (lavoro a intermittenza) la formazione è obbligatoria comunque o ci sono delle esenzioni?
Grazie.
22/05/2013 05:19 PM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
salvatore_giordano Offline
Member

Messaggi: 7
Registrato: Feb 2013
Messaggio: #2
RE: Formazione dei lavoratori stagionali
Premesso che la tutela prevista dal D.Lgs. N. 81/08 è anche per i lavoratori senza retribuzione, conseguentemente lo è anche la “formazione e informazione sui rischi anche specifici” nonché la sorveglianza sanitaria; tale formazione se accertata e verificata attraverso i relativi attestati, può essere ritenuta valida durante le varie attività lavorative, e integrata nei rischi inerenti all'attività svolta in quel periodo.

Rimando inoltre alla seguente nota relativa al settore agricoltura a suo tempo ricevuta.
Premessa:Si definiscono lavoratori stagionali quelli che sono impiegati per non più di cinquanta giornate lavorative in un anno, anche presso diversi datori di lavoro. Trascrivo quanto cita l'accordo fatto tra datori di lavoro e organizzazioni sindacali nel 2011 in merito a formazione e sorveglianza sanitaria:

L’accordo stabilisce che per questa particolare categoria di lavoratori sia possibile procedere a sorveglianza sanitaria, formazione e informazione in via preventiva. All’inizio della stagione il lavoratore potrà rivolgersi agli enti bilaterali che avranno attivato il servizio o a medico competente abilitato per sottoporsi agli esami necessari, e alle attività obbligatorie di formazione informazione per ottenere così una certificazione che lo rende adatto al lavoro. La sua idoneità al lavoro sarà valida per un biennio, valida presso i diversi datori di lavoro presso cui troverà impiego.
Per quanto riguarda il DVR le disposizioni del D.Lgs 81/2008 le consiglio di leggere il documento che trova qui : http://www.confagricolturacalabria.it/pu...urezza.pdf (norme sicurezza in agricoltura) spero possa esserle utile.

saluti.
Giordano
29/05/2013 04:42 PM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
marco_lazzari Offline
Member

Messaggi: 6
Registrato: May 2011
Messaggio: #3
RE: Formazione dei lavoratori stagionali
Grazie mille,
29/05/2013 04:54 PM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
luigi__agostinis Offline
Member

Messaggi: 1
Registrato: Nov 2012
Messaggio: #4
RE: Formazione dei lavoratori stagionali
ottimo materiale
05/06/2013 09:59 AM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
norberto_ferigato Offline
Member

Messaggi: 54
Registrato: Jun 2011
Messaggio: #5
RE: Formazione dei lavoratori stagionali
Vedi il Decreto interministeriale del 27 marzo 2013 riguardante la “Semplificazione in materia di informazione, formazione e sorveglianza sanitaria dei lavoratori stagionali del settore agricolo”.

Per quanto riguarda la formazione e l’informazione gli adempimenti previsti per i lavoratori indicati dal decreto vengono considerati “assolti mediante consegna al lavoratore di appositi documenti, certificati dalla ASL ovvero dagli enti bilaterali e dagli organismi paritetici del settore agricolo e della cooperazione di livello nazionale o territoriale, che contengano indicazioni idonee a fornire conoscenze per l’identificazione, la riduzione e la gestione dei rischi nonché a trasferire conoscenze e procedure utili all’acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e all’identificazione e eliminazione, ovvero alla riduzione e gestione, dei rischi in ambiente di lavoro”.

Ai lavoratori provenienti da altri Paesi devono essere garantiti documenti formativi scritti nella propria lingua.

P.S.: qui mi vien da ridere: nella vicina Germania senza certificazione di conoscenza della lingua non si lavora!
06/06/2013 07:29 AM
Trova tutti i messaggi di questo utente Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa conversazione: 2 Ospite(i)