Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Articoli e Approfondimenti

Condotta imprudente del lavoratore: la valutazione tra nesso e colpa

Ambiente_Sicurezza
Scritto da Ambiente & Sicurezza il 01/10/2013

di Mario Gebbia e Maurizio Bortolotto, Avvocati penalisti in Torino

 

CONDOTTA IMPRUDENTE DEL LAVORATORE

 

La figura del lavoratore ha assunto nella legislazione antinfortunistica un duplice rilievo, quale destinatario precipuo della tutela e quale soggetto della sicurezza aziendale e, in quanto tale, titolare di posizione di garanzia rispetto alla salute e alla sicurezza degli altri lavoratori che si affianca a quella degli altri soggetti tenuti alla protezione (in primo luogo, il datore di lavoro, il dirigente e il preposto).
Nonostante la legislazione degli ultimi anni abbia imboccato la strada di una maggiore responsabilizzazione del lavoratore, è possibile notare come questa inevitabile evoluzione del sistema della sicurezza abbia trovato una certa difficoltà a essere riconosciuta dalla giurisprudenza, soprattutto di merito.

 

di Mario Gebbia e Maurizio Bortolotto, Avvocati penalisti in Torino

 

 

CONDOTTA IMPRUDENTE DEL LAVORATORE

 

 

La figura del lavoratore ha assunto nella legislazione antinfortunistica un duplice rilievo, quale destinatario precipuo della tutela e quale soggetto della sicurezza aziendale e, in quanto tale, titolare di posizione di garanzia rispetto alla salute e alla sicurezza degli altri lavoratori che si affianca a quella degli altri soggetti tenuti alla protezione (in primo luogo, il datore di lavoro, il dirigente e il preposto).
Nonostante la legislazione degli ultimi anni abbia imboccato la strada di una maggiore responsabilizzazione del lavoratore, è possibile notare come questa inevitabile evoluzione del sistema della sicurezza abbia trovato una certa difficoltà a essere riconosciuta dalla giurisprudenza, soprattutto di merito.

 


Commenti

Inserisci per primo/a un commento.
icona commenti 0 commenti

« Torna indietro