Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Articoli e Approfondimenti

Carrelli elevatori: il nuovo regime riservato agli spostamenti brevi

Ambiente_Sicurezza
Scritto da Ambiente & Sicurezza il 25/03/2014

Il D.M. 14 gennaio 2014 riordina la disciplina in materia di utilizzo stradale
 

CARRELLI ELEVATORI: IL NUOVO REGIME RISERVATO AGLI SPOSTAMENTI BREVI

 

di Mario Gallo, professore a contratto di Diritto del Lavoro nell’Università degli Studi di Cassino e del LazioMeridionale

Dopo lunghi mesi d’incertezze il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è finalmente intervenuto con il D.M. 14 gennaio 2014 per riordinare la disciplina regolamentare in materia di utilizzo stradale dei carrelli elevatori, trasportatori o trattori, non immatricolati e sprovvisti di carta di circolazione destinati, quindi, a operare in spazi privati (stabilimenti, magazzini ecc.). Già in precedenza, infatti, con il D.M. 28 dicembre 1989 ne era stato consentito l’impiego stradale sia pure previa autorizzazione rilasciata dall’Ufficio Provinciale della Motorizzazione civile, con il nullaosta dell’ente proprietario della strada, ma limitatamente ai “brevi spostamenti” sulle aree pubbliche finalizzati allo svolgimento delle operazioni di carico e scarico e a patto che venissero osservate specifiche prescrizioni e cautele.

Il D.M. 14 gennaio 2014 riordina la disciplina in materia di utilizzo stradale
 

CARRELLI ELEVATORI: IL NUOVO REGIME RISERVATO AGLI SPOSTAMENTI BREVI

di Mario Gallo, professore a contratto di Diritto del Lavoro nell’Università degli Studi di Cassino e del LazioMeridionale


Dopo lunghi mesi d’incertezze il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è finalmente intervenuto con il D.M. 14 gennaio 2014 per riordinare la disciplina regolamentare in materia di utilizzo stradale dei carrelli elevatori, trasportatori o trattori, non immatricolati e sprovvisti di carta di circolazione destinati, quindi, a operare in spazi privati (stabilimenti, magazzini ecc.). Già in precedenza, infatti, con il D.M. 28 dicembre 1989 ne era stato consentito l’impiego stradale sia pure previa autorizzazione rilasciata dall’Ufficio Provinciale della Motorizzazione civile, con il nullaosta dell’ente proprietario della strada, ma limitatamente ai “brevi spostamenti” sulle aree pubbliche finalizzati allo svolgimento delle operazioni di carico e scarico e a patto che venissero osservate specifiche prescrizioni e cautele.


Commenti

Inserisci per primo/a un commento.
icona commenti 0 commenti

« Torna indietro