Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Il Quotidiano della Sicurezza

Agenzia delle Entrate: chiarimenti sugli incentivi per la mobilità verde

Mobilità verde, la Risoluzione n. 32/E dell’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sugli incentivi per l’acquisto di veicoli elettrici e non inquinanti, sulle detrazioni fiscali per l’installazione dei punti di ricarica, sulla rottamazione di mezzi ad alte emissioni di CO2 e le prime indicazioni relative all’imposta sui veicoli inquinanti (Ecotassa), dovuta sulle auto acquistate e immatricolate dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021. L

A chi acquista autoveicoli nuovi a basse emissioni di CO2, viene corrisposto un contributo da parte del soggetto venditore, consistente in uno sconto sul prezzo di acquisto e compreso fra 1.500 e 6.000 euro, che non può essere cumulato con altri incentivi di carattere nazionale. Il prezzo del veicolo da listino ufficiale deve essere inferiore a 50.000 euro (IVA esclusa). Il contributo si differenzia in funzione di due fasce di emissioni di CO2 nonché del fatto che contestualmente all’acquisto venga o meno consegnato un veicolo, per la rottamazione, appartenente alla medesima categoria omologato alle classi Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4. Per il riconoscimento della spettanza del contributo a favore del soggetto acquirente è previsto l’adempimento di specifiche condizioni.

Anche l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica di veicoli che sono alimentati a energia elettrica hanno la possibilità di beneficiare di una detrazione fiscale ai fini delle imposte sui redditi, riconosciuta per le spese documentate sostenute tra il 1° marzo 2019 e il 31 dicembre 2021. La detrazione ammonta al 50% delle spese (non superiori ai 3000 euro) e va ripartita in 10 quote annuali .

Per gli autoveicoli con alte emissioni di CO2 sono invece previste misure disincentivanti per l’acquisto: si tratta del pagamento di una Ecotassa per l’acquisto e l’immatricolazione in Italia di un veicolo nuovo di categoria M1 con emissioni superiori a 160 CO2 g/km (la tassa è parametrata in base a quattro scaglioni di emissioni). Sono esentati i veicoli a uso speciale (es.: camper, veicoli blindati, ambulanze, veicoli con accesso per sedia a rotelle) . L’imposta va versata entro la data di immatricolazione del mezzo tramite F24 da parte dell’acquirente del veicolo o da chi richiede l’immatricolazione

Agenzia delle Entrate - Risoluzione n. 32/E 28 febbraio 2019


« Torna all'elenco completo