Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Il Quotidiano della Sicurezza

Mappatura degli additivi nel settore plastico

Con comunicato ECHA/PR/19/04 del 21 febbraio, l’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha ufficializzato la pubblicazione di un inventario, ancora in corso di elaborazione, contenente informazioni su circa 400 sostanze chimiche utilizzate come additivi funzionali nella produzione di materie plastiche.

L’intero progetto mira ad assistere l'industria nell'individuare quali informazioni sull’uso e sull’esposizione sono rilevanti per determinare l’uso sicuro delle sostanze contenute negli articoli e quindi attivare la comunicazione anche lungo le catene di approvvigionamento. Il progetto è stato realizzato in cooperazione con 21 settori industriali, compresi i produttori di additivi e gli utilizzatori a valle, ed è inserito nella strategia UE per le materie plastiche nell’economia circolare e negli obiettivi 2020 del vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile.

L’inventario, consultabile on line (link), si è focalizzato sugli additivi commercializzati in UE in quantitativi superiori a 100 t annue e consente di conoscere la funzione degli additivi (es. antiossidanti, antistatici, ritardanti di fiamma, agenti nucleanti, plastificanti, pigmenti, stabilizzanti al calore e stabilizzanti verso gli UV o la luce).

Vengono inoltre fornite informazioni sui tipi di polimeri in cui gli additivi si trovano più comunemente e gli intervalli di concentrazione caratteristici, come ad esempio:

EC number

CAS number

Substance name

Other function in plastic

Polymer type

Typical concentration (%)

203–585–2

108–46–3

Resorcinol

other stabiliser; flame retardant

  
217–421–2

1843–05–6

Octabenzone

other stabiliser

Polyolefin-I; PUR; Polyolefin-II; PVC (soft); ABS; PVC (rigid); PMMA; PC; (E)PS

0.2–5.0

219–470-5

2440–22–4

2–(2H-benzotriazol-2–yl)-p-cresol

other stabiliser

Polyolefin-I; PUR; Polyolefin-II; PVC (soft); ABS; PVC (rigid); PMMA; PC; (E)PS

 


Un’altra pagina del progetto (link) consente invece di stimare il potenziale rilascio di diversi additivi utilizzati nelle materie plastiche: si tratta dunque di uno strumento che può anche aiutare nella sostituzione di sostanze pericolose con alternative più sicure.

Agenzia europea per le sostanze chimiche – Comunicato 21 febbraio 2019 ECHA/PR/19/04


« Torna all'elenco completo