Community Sicurezza - La sicurezza si condivide in rete

Il Quotidiano della Sicurezza

Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura: quaderno INAIL

L’autore della pubblicazione spiega — sul sito dell’INAIL — che le varie misure di sicurezza individuate dalle Regioni non sono “armonizzate a livello nazionale”, rendendo difficile il lavoro dei vari soggetti coinvolti. Ci sono inoltre Regioni che non dispongono nemmeno di una legislazione in merito. Quello che manca nella legislazione nazionale sono prescrizioni specifiche sulla dotazione di sistemi per la sicurezza nelle attività sulle coperture.

Paradossalmente, l’analisi dell’autore prosegue evidenziando che “le disposizioni regionali più recenti non prevedono più l’obbligo generico dell’installazione dei sistemi di ancoraggio, ma di misure a carattere permanente. Se non è possibile adottare misure di questo tipo su coperture esistenti, se ne possono usare di provvisorie.

Le problematiche di sicurezza dei lavori sulle coperture sono stato oggetto di attenzione crescente in tempi recenti, tanto che, come accennato, in molte Regioni italiane sono entrati in vigore regolamenti specifici, la cui varietà di misure di prevenzione e protezione è difficile da individuare. Lo studio dell’INAIL interviene in questo senso analizzando alcune misure per l’accesso (quali PLE, ponteggi, scale anticaduta, trabattelli, ecc.) e altre per il transito e l’esecuzione (parapetti di sommità e provvisori, reti di sicurezza, ancoraggi, DPI ecc.). Inoltre cerca di offrire agli operatori di settore dati e informazioni che possano essere utilizzate anche dagli organismi di controllo nella loro attività di verifica e indirizzo. In questo modo, si potranno condividere le misure di sicurezza da adottare nell’attività sulle coperture.

Il volume si articola in:

— Riferimenti;

— Valutazione del rischio;

— Elementi caratteristici della copertura;

— Accesso e/o sbarco;

— Transito ed esecuzione.


« Torna all'elenco completo